VALBRUNA, IL PAESE DELLE RONDINI


L'inverno ha raccolto ormai le sue cose. Riposto i mesi come bagaglio. Già l"aria ha un respiro diverso, il primo giorno di primavera.
"Ride su di me la primavera. Tornano le rondini, si sa...". Inizia così una composizione del poeta Sandro Penna
Le rondini e la primavera; le rondini e Valbruna
Di esse scrisse Julius Kugy: "Se Valbruna non si chiamasse così, io proporrei il nome di Schwalbendorf, il paese delle rondini, tante ce ne sono nel villaggio. Il loro quartier generale è all'ingresso settentrionale del paese, dove si trovano la casa di Oitzinger e la trattoria Gelbmann. Quando il tempo è piovoso, stanno raccolte in lunghe teorie sui fili del telegrafo e del telefono, in attesa di un tiepido raggio di sole e di poter riprendere i loro voli. A volte sembrano saggiamente intente a misteriosi conciliaboli e noi stiamo a guardarle meravigliati. Come è possibile non amare quelle creature? Nelle stalle dove fanno il nido, piene di fiducia, esse costituiscono una presenza amica e grata."